02/08/2011
Pubblicato il "231 Ambiente" - Entra in vigore il 16 agosto - Corsi di Formazione
Il D.Lgs. 121/2011: - è pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 177 del 1 agosto 2011 - introduce il nuovo art. 25-undecies nel D.Lgs. 231/2001 Il decreto prevede nuove sanzioni per aziende, livelli apicali e responsabili aziendali.
Il D.Lgs. 121/2011: - è pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 177 del 1 agosto 2011 - enta in vigore il 16 agosto 2011. Il decreto prevede nuove sanzioni per aziende, livelli apicali e responsabili aziendali. Per quanto riguarda l'entità delle sanzioni, viene usato l'unità denominata "quota", "l'importo di una quota va da un minimo di lire cinquecentomila ad un massimo di lire tre milioni", ovvero la quota, dipendente dal fatturato dell'azienda, va da 250 a 500 euro c.a. Sintesi «Art. 25-undecies (Reati ambientali) 1. In relazione alla commissione dei reati previsti dal codice penale, si applicano all'ente le seguenti sanzioni pecuniarie: a) per la violazione dell'articolo 727-bis la sanzione pecuniaria fino a duecentocinquanta quote; b) per la violazione dell'articolo 733-bis la sanzione pecuniaria da centocinquanta a duecentocinquanta quote. 2. In relazione alla commissione dei reati previsti dal decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152, si applicano all'ente le seguenti sanzioni pecuniarie: a) per i reati di cui all'articolo 137: 1) per la violazione dei commi 3, 5, primo periodo, e 13, la sanzione pecuniaria da centocinquanta a duecentocinquanta quote; 2) per la violazione dei commi 2, 5, secondo periodo, e 11, la sanzione pecuniaria da duecento a trecento quote. b) per i reati di cui all'articolo 256: 1) per la violazione dei commi 1, lettera a), e 6, primo periodo, la sanzione pecuniaria fino a duecentocinquanta quote; 2) per la violazione dei commi 1, lettera b), 3, primo periodo, e 5, la sanzione pecuniaria da centocinquanta a duecentocinquanta quote; 3) per la violazione del comma 3, secondo periodo, la sanzione pecuniaria da duecento a trecento quote; c) per i reati di cui all'articolo 257: 1) per la violazione del comma 1, la sanzione pecuniaria fino a duecentocinquanta quote; 2) per la violazione del comma 2, la sanzione pecuniaria da centocinquanta a duecentocinquanta quote; d) per la violazione dell'articolo 258, comma 4, secondo periodo, la sanzione pecuniaria da centocinquanta a duecentocinquanta quote; e) per la violazione dell'articolo 259, comma 1, la sanzione pecuniaria da centocinquanta a duecentocinquanta quote; f) per il delitto di cui all'articolo 260, la sanzione pecuniaria da trecento a cinquecento quote, nel caso previsto dal comma 1 e da quattrocento a ottocento quote nel caso previsto dal comma 2; g) per la violazione dell'articolo 260-bis, la sanzione pecuniaria da centocinquanta a duecentocinquanta quote nel caso previsto dai commi 6, 7, secondo e terzo periodo, e 8, primo periodo, e la sanzione pecuniaria da duecento a trecento quote nel caso previsto dal comma 8, secondo periodo; h) per la violazione dell'articolo 279, comma 5, la sanzione pecuniaria fino a duecentocinquanta quote. 3. In relazione alla commissione dei reati previsti dalla legge 7 febbraio 1992, n. 150, si applicano all'ente le seguenti sanzioni pecuniarie: a) per la violazione degli articoli 1, comma 1, 2, commi 1 e 2, e 6, comma 4, la sanzione pecuniaria fino a duecentocinquanta quote; b) per la violazione dell'articolo 1, comma 2, la sanzione pecuniaria da centocinquanta a duecentocinquanta quote; c) OMISSIS; 4. OMISSIS 5. OMISSIS 6. OMISSIS. 7. OMISSIS 8. OMISSIS

Condividi su: Facebook  Twitter  MySpace 
 
Visita la mia pagina su Facebook