24/05/2011
Ue e REACH: cadmio vietato dal dicembre 2011
Il divieto riguarda gli articoli di gioielleria, le bacchette per brasatura e le plastiche
Il cadmio è una sostanza cancerogena ed è tossico per l'ambiente acquatico. Nel passato veniva utilizzato come colorante o stabilizzante in alcuni articoli di plastica. Nell'UE l'uso del cadmio è stato vietato in diversi articoli di plastica già nel 1992, ma era ancora consentito in alcuni tipi di PVC rigido, poiché in quel momento sul mercato non erano disponibili alternative. Dal 1° gennaio 2012 sarà invece vietato utilizzare il cadmio negli articoli di gioielleria, nella plastica e nelle bacchette per brasatura. La decisione è stata presa dopo aver reperito livelli elevati di cadmio in alcuni articoli di gioielleria, soprattutto nelle minuterie di fantasia importate. I consumatori, compresi i bambini, rischiavano di essere esposti al cadmio attraverso il contatto con la cute o con la lingua. Il nuovo regolamento, che sarà adottato come modifica nel regolamento REACH (nell'allegato XVII del regolamento REACH n. 1907/2006), ne vieta qiondi l'uso in tutti i tipi di articoli di gioielleria, ad eccezione dei gioielli antichi. Il divieto riguarda anche il cadmio presente in tutte le plastiche e nelle bacchette per brasatura utilizzate per unire materiali dissimili in quanto, se inalati, i fumi liberati durante questo processo sono molto pericolosi. "Si tratta di una buona notizia per i consumatori e per l'industria, dato che le alternative a questa sostanza sono già state messe a punto. Ciò - ha dichiarato Antonio Tajani, vicepresidente della Commissione europea e commissario responsabile per l'industria e l'imprenditoria - dimostra ancora una volta il ruolo essenziale svolto da REACH nel proteggere la salute". "Il divieto sull'uso del cadmio negli articoli di gioielleria - ha sottolineato Janez Potocnik, commissario europeo responsabile per l'ambiente - proteggerà i consumatori, in particolare i bambini, e recherà benefici all'ambiente, perché l'assenza di cadmio nella plastica contribuirà a ridurre l'inquinamento. Si tratta di una misura che incoraggia il riciclaggio dei rifiuti di PVC, cosa che rappresenta un importante progresso negli sforzi intesi a risparmiare risorse". La nuova legislazione infatti, oltre a vietare l'uso del cadmio in tutti i prodotti di plastica, incoraggia il recupero dei rifiuti di PVC utilizzati in diversi prodotti da costruzione. Dato che il PVC è un materiale utile che può essere recuperato più volte, la nuova legislazione consente di riutilizzare il PVC recuperato che contiene quantità minime di cadmio in un numero limitato di prodotti da costruzione, senza pericoli per il pubblico o per l'ambiente. Fonte: Ue 23 maggio 2011

Condividi su: Facebook  Twitter  MySpace 
 
Visita la mia pagina su Facebook