12/09/2011
Diversamente abili: interpello sugli obblighi di assunzione da 15 a 35 dipendenti|
Il Ministero del Lavoro in risposta all'interpello n. 30/2011 indica la corretta interpretazione l'obbligo di assunzione di persone diversamente abili, gravante sui datori di lavoro privati con organico aziendale da 15 a 35 dipendenti.
Ministero del Lavoro in risposta all'interpello n. 30 del 2011 indica la corretta interpretazione della norma vigente (art. 3, comma 2, L. n. 68/1999) sull'obbligo di assunzione di persone diversamente abili, gravante sui datori di lavoro privati di aziende da 15 a 35 dipendenti. In particolare l'interpello indica corretta interpretazione nei casi in cui la soglia dimensionale dei 15 dipendenti venga superata per effetto delle operazioni societarie quali trasferimento, cessione di ramo d'azienda, fusione, ecc. (art. 2112 c.c.). La risposta dell'interpello ricorda che i datori di lavoro privati, che occupano da quindici a trentacinque dipendenti, sono tenuti all'assolvimento dell'obbligo di inserimento di lavoratori appartenenti alle categorie protette esclusivamente nell'ipotesi di "nuove assunzioni" ovvero al momento della sedicesima (ai sensi della disposizione di cui all'art. 3 citato). L'interpello, poi, precisa che con la locuzione "nuova assunzione" si intende quella che realizza un effettivo incremento dell'organico aziendale, ritenuta "aggiuntiva rispetto al numero dei dipendenti in servizio" (combinato disposto di cui all'art. 3, comma 2, L. n. 68 e all'art. 2, commi 2 e 3, D.P.R. n. 333/2000). La risposta dell'interpello indica che nelle trasformazioni societarie di cui all'art. 2112 c.c., il rapporto di lavoro continui con il cessionario/datore di lavoro ed il prestatore conservi tutti i diritti ad esso collegati, in capo al nuovo datore si realizza un sostanziale ampliamento della base occupazionale, cui รจ necessario, pertanto, riferirsi ai fini della corretta determinazione della quota di riserva. Inoltre viene ribadito che rientrano nell'ambito delle nuove assunzioni le eventuali trasformazioni dei contratti di apprendistato e a termine in contratto a tempo indeterminato avvenute antecedentemente ai mutamenti del contesto societario.
Condividi su: Facebook  Twitter  MySpace 
 
Visita la mia pagina su Facebook